FINALITA’

Il Fondo a sostegno dell’impresa femminile è stato istituito dall’articolo 1, comma 97, della legge 30 dicembre 2020, n. 178 al fine di promuovere e sostenere l’avvio e il rafforzamento dell’imprenditoria femminile, la diffusione dei valori dell’imprenditorialità e del lavoro tra la popolazione femminile e di massimizzare il contributo quantitativo e qualitativo delle donne allo sviluppo economico e sociale del Paese.

 

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono beneficiare del contributo imprese femminili con sede legale e/o operativa ubicata su tutto il territorio nazionale, costituite da meno di dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, ovvero:

  • Cooperative e società di persone con ameno il 60% di donne socie;
  • Società di capitale con quote e componenti di cda per almeno 2/3 di donne;
  • Imprese individuali la cui titolare è una donna;
  • lavoratrici autonome

Sono ammesse anche le persone fisiche che scelgono di avviare la propria attività purché, entro 60 giorni dalla comunicazione positiva della valutazione della domanda, ne documentino l’avvenuta costituzione.

 

INIZIATIVE FINANZIABILI

Sono ammesse al fondo le attività nei settori dell’industria, dell’artigianato, della trasformazione dei prodotti agricoli, dei servizi, del commercio e del turismo, per programmi di investimento che andranno realizzati entro due anni.

Due le linee di intervento previste:

1.INCENTIVI PER LA NASCITA DI IMPRESE FEMMINILI

Possono beneficiare del contributo imprese femminili con sede legale e/o operativa ubicata su tutto il territorio nazionale, costituite da meno di dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione. Sono ammesse anche le persone fisiche che scelgono di avviare la propria attività purché, entro 60 giorni dalla comunicazione positiva della valutazione della domanda, ne documentino l’avvenuta costituzione.

Spese ammissibili

  1. impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica
  2. immobilizzazioni immateriali
  3. servizi in cloud funzionali ai processi portanti della gestione aziendale;
  4. personale dipendente, assunto a tempo indeterminato o determinato dopo la data di presentazione della domanda e impiegato funzionalmente nella realizzazione dell’iniziativa agevolata;
  5. esigenze di capitale circolante nel limite del 20% delle spese complessivamente ritenute ammissibili per acquisto di materie prime, sussidiarie, materiali di consumo; servizi di carattere ordinario, strettamente necessari allo svolgimento delle attività dell’impresa; godimento di beni di terzi, spese di noleggio, canoni di leasing;

Spesa massima ammissibile: 250.000 Euro

Contributo

  • per spese ammissibili fino a 100.000 euro: 80%  a fondo perduto fino a 50 mila euro. Per le donne disoccupate la percentuale massima di copertura sale al 90%.
  • per spese ammissibili tra 100.000 e 250.000 mila euro: 50% a fondo perduto

 

 2.INCENTIVI PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DI IMPRESE FEMMINILI

Possono beneficiare del contributo imprese femminili con sede legale e/o operativa ubicata su tutto il territorio nazionale, imprese femminili, con sede legale e/o operativa ubicata su tutto il territorio nazionale, costituite da almeno dodici mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione.

Spese ammissibili

  1. impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica
  2. immobilizzazioni immateriali
  3. servizi in cloud funzionali ai processi portanti della gestione aziendale;
  4. personale dipendente, assunto a tempo indeterminato o determinato dopo la data di presentazione della domanda e impiegato funzionalmente nella realizzazione dell’iniziativa agevolata;
  5. esigenze di capitale circolante nel limite del 20% delle spese complessivamente ritenute ammissibili (limite del 25% per aziende costituite da più di 36 mesi) per acquisto di materie prime, sussidiarie, materiali di consumo; servizi di carattere ordinario, strettamente necessari allo svolgimento delle attività dell’impresa; godimento di beni di terzi, spese di noleggio, canoni di leasing;

Spesa massima ammissibile: 400.000 Euro

Contributo

  • Per le imprese costituite da almeno un anno e massimo tre: 50% a fondo perduto e 50% a in forma di finanziamento agevolato da rimborsare in 8 anni a tasso zero, fino all’80% delle spese ammissibili.
  • Se l’impresa ha più di tre anni, le spese di capitale circolante sono agevolate solo con il fondo perduto, mentre quelle di investimento anche con il finanziamento agevolato.

 

REGIMI DI AIUTO

Gli incentivi sono concessi con il regime di esenzione delle regole sugli aiuti di Stato se le imprese hanno i requisiti del regolamento europeo Gber (Reg. UE 651/2014), altrimenti secondo i limiti del “de minimis. Prevista anche la cumulabilità con altri aiuti di Stato.

 

MODALITA’ E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

La procedura individua date distinte per la presentazione al Soggetto gestore Invitalia delle domande relative agli interventi per l’avvio di nuove imprese e relative agli interventi per lo sviluppo di imprese costituite da almeno 12 mesi. In entrambi i casi, è prevista una fase preliminare di compilazione della documentazione:

  • Avvio di nuove imprese femminili: la compilazione della domanda è possibile dalle ore 10:00 del 5 maggio 2022 e la presentazione a partire dalle ore 10:00 del 19 maggio 2022;
  • Sviluppo di imprese femminili già costituite: la compilazione della domanda è possibile dalle ore 10:00 del 24 maggio 2022 e la presentazione a partire dalle ore 10:00 del 7 giugno 2022.

 

PROCEDURA DI VALUTAZIONE

I progetti verranno valutati secondo l’ordine di presentazione, con un esame di merito legato a vari criteri tra cui, ad esempio, il progetto imprenditoriale e potenzialità del mercato di riferimento.